A Palermo con Alessandro Vanoli

Edizione 2018
LUOGO:

Palermo


PERIODO:

16 - 18 marzo 2018

PROGRAMMA DELLA VISITA DI STUDIO

Omaggiare Palermo visitandola nel 2018, anno per il quale è stata designata “Capitale Italiana per la Cultura” è solo un pretesto. Semmai ce ne fosse bisogno. Città antichissima, grande – la quinta per popolazione nel nostro paese – contraddittoria, splendente della luce insulare del mediterraneo e offuscata a tratti dalla cronaca, riassume come poche altre le contraddizioni della modernità. Che vive circondata, letteralmente assediata dalla Storia, dalle testimonianze dei popoli che l’hanno abitata e, qualcuno, conquistata. Che si mostra normanna e araba, dalla memoria fenicia e poi romana fino a quella di capitale del Regno delle Due Sicilie, giusto duecento anni orsono. Una città dove molte cose possono cambiare così da restare uguali...

Visiteremo Palermo in compagnia di Alessandro Vanoli, storico, intellettuale, scrittore, letterariamente passeggiando nella Palermo araba, e cenando presso Villa Chiaromonte Bordonaro ai Colli, dimora storica settecentesca con al suo interno una pregiata collezione di dipinti italiani del '400 e fiamminghi nonché di maioliche italiane ed ispanomoresche. La Villa fu costruita nel XVIII secolo per il re Ferdinando e la regina Carolina di Borbone, quale residenza per il loro esilio in Sicilia, e ancora oggi è residenza dei Baroni Chiaramonte Bordonaro.

Sarà un viaggio particolarmente dedicato alla Palermo araba e normanna. La visita comincerà avviandosi verso monte, nell’antico insediamento di Palermo a piazza della Vittoria, e visitando il palazzo dei Normanni e la Cappella Palatina, testimoni di un’antica stratificazione di poteri. Da lì scenderemo verso mare, passando prima per la Cattedrale e proseguendo poi per l’incrocio dei Quattro Canti tra corso Vittorio Emanuele e via Maqueda. Passeremo dalla chiesa Normanna di San Giovanni degli Eremiti, tra i più significativi monumenti della Palermo Normanna, che conserva uno dei più antichi cicli musivi della Sicilia, e poi proseguiremo verso il mare attraverso i mercati e le strade della città medievale sino al porto della Cala.