Visita di studio a Ruvo di Puglia

Edizione 2021
LUOGO:

Ruvo di Puglia


PERIODO:

21 ottobre 2021

PROGRAMMA DELLA VISITA DI STUDIO

Giovedì 21 ottobre 2021

Ruvo è la città dove 100 anni fa è nata Biagia Marniti, poetessa poco nota ma alla quale abbiamo dedicato il seminario tenuto da Rita Ceglie nel Preludio All’alfabeto del Sud (https://youtu.be/pAIZ9H2N_0s) e il secondo incontro della rassegna Alfabeto del Sud (https://youtu.be/Upb5Ncm2rlQ). È un centro importante dal punto di vista storico e culturale. Purtroppo non potremo visitare né il Museo Jatta né la Pinacoteca con le opere di Domenico Cantatore entrambi chiusi per restauro, ma che sicuramente saranno meta di un’altra visita di studio.


Ore 16.00 - Appuntamento dei partecipanti presso il Museo del Libro, via Alcide de Gasperi 136, Palazzo Caputi a Ruvo di Puglia.
Incontro con la Dott.ssa Teresa De Francesco, Direttrice del Museo.
Visita guidata al Museo del Libro e alla mostra “Talos. Un gigante nella storia di Ruvo”.
Ore 17.30 - Passeggiata per il centro storico passando per la stupenda Cattedrale romanica e i luoghi di Biagia Marniti.
Rientro a Bari



Il Museo del Libro – Casa della Cultura di Ruvo di Puglia è un museo civico che ospita le raccolte librarie della Biblioteca Comunale.
Il museo ha sede presso Palazzo Caputi, nel cuore del centro antico di Ruvo di Puglia, il cui primo nucleo risale al 1592, poi ampliato nel 1798.
Il palazzo comprende quindici sale in tutto. Le sale al primo piano hanno la particolarità di avere ogni soffitto decorato a tempera con temi diversi (databili intorno all’Ottocento).
Il palazzo è stato acquistato dal Comune di Ruvo di parte in parte in diversi momenti tra il 1985 e il 1995, e riqualificato a partire dal 2011.
Il Museo è stato restituito al pubblico nell'aprile 2016 con una nuova sistemazione degli spazi e nuovi servizi.
Il Museo del Libro - Casa della Cultura ospita e rende fruibili le raccolte librarie della Biblioteca Comunale "Pasquale Testini", costituita da circa 20.000 volumi. Tra questi vi è il fondo antico costituito da quasi 500 volumi databili tra il 1520 e il 1830, in parte esposti in teche sapientemente illuminate, e il Fondo Bratta, donato nel 2017, e composto di oltre 1000 libri sulle tematiche della storia e dell'arte.
Tra i volumi del fondo antico è stata selezionata una parte che compone l’esposizione permanentemente, esposta in teche e organizzata in sei tematiche: le incisioni, le marche tipografiche, i volumi conventuali dei Minori Osservanti, dei Cappuccini e degli Scolopi, Ruvo di Puglia nella storiografia ottocentesca.
Il percorso espositivo include una pannellistica informativa sulla storia della città, sui siti archeologici, sulla storia dell'editoria e della stampa, sulla famiglia Caputi e sul palazzo sede del Museo stesso, sui fondi librari della Biblioteca Comunale e sui servizi offerti.
Accanto ai libri cartacei, il museo è dotato di alcuni apparati multimediali attraverso cui turisti e visitatori possono reperire informazioni sulla storia del libro e della tecnica tipografica, oltre che sul sistema bibliotecario. Infatti, è possibile consultare una selezione di libri digitalizzati, un e-book sulla storia della scrittura e della stampa tipografica e una articolata presentazione sulla storia della città attraverso immagini e filmati “sfogliabili” virtualmente su uno scenografico volume tridimensionale.
Il Museo del Libro - Casa della Cultura è inoltre dotato di una sala conferenze e ambienti dedicati alle attività didattiche e laboratoriali, una sala lettura, una sala studio e sale per esposizioni permanenti e temporanee.

Talos, un gigante nella storia di Ruvo”: dopo essere stato in esposizione a Bari dallo scorso maggio nell’ambito della mostra “Vasi Mitici”, il pezzo più importante della collezione del Museo Jatta sarà il protagonista di una mostra interamente dedicata dal titolo “Talos, un gigante nella storia di Ruvo” ospitata a Palazzo Caputi nel Museo del Libro-Casa della Cultura. La mostra conterrà il racconto del suo ritrovamento e dei vari interventi di restauro: una vicenda lunga secoli che si intreccia strettamente con la storia della città di Ruvo di Puglia. E’ stretto il collegamento con la mostra in corso di svolgimento al Castello Svevo di Bari dove in questo periodo sono esposti i reperti del Museo Jatta (al momento chiuso per restauri): il percorso espositivo barese, infatti, si conclude con un invito a visitare la mostra ruvese.


Per ulteriori informazioni:
www.prolocoruvodipuglia.it/.cenni_storici.html
www.ruvochannel.com/biagia-marniti-la-poetessa-ruvese-innamorata-del-sud-italia/